La concia al vegetale: esegesi di una pratica che unisce qualità a basso impatto ambientale

%e %B %Y at %H:%M

Se, come noto, la lavorzione della pelle è un settore che si presta a complicate ed ardue interpretazioni,
quello della concia al vegetale risulta ancora più ostico se non, in taluni casi, ad appannaggio esclusivo degli addetti ai lavori. Nostro interesse è comunque quello di rendere quanto più divulgabile e comprensibile possibile questa realtà che ai più può apparire distante e che pure ha un suo fascino particolare.

La concia al vegetale affonda le proprie radici nell’antichità e, come successo per le arti, ha conosciuto il suo massimo splendore in Toscana.
I conciatori toscani, ed in particolar modo quelli fiorentini, si tramandano da secoli i segreti ed i trucchi della lavorazione artigianale e della produzione di qualità e con grande qualità.
Tra i tanti e diversi tipi di concia, quella al vegetale è la piu classica e tradizionale e permette di conferire al cuoio proprietà peculiari e distintive e che si differenziano, tra l’altro, per l’attenzione rispettosa alle tematiche ambientali ed ecologiste.

La caratteristica principale, nonchè il segreto della concia al vegetale, è il tannino: principio attivo che produce la trasformazione del derma animale in un materiale compatto e resistente che dura negli anni, conferendo ai relativi prodotti e manufatti quell’unico profumo di cuoio e quella particolare sensazione al tatto.

Nell’attuale pratica conciaria al vegetale, che come detto riduce al minimo l’impatto ambientale e non contiene sostanze tossiche nocive per l’uomo e l’ecosistema, si utilizzano principalmente estratti di tannino derivanti dal castagno e dal quebracho, albero da fusto rintracciabile nei territori sud americani.
Questo è un aspetto che ci sta particolarmente a cuore e che desideriamo fortemente condividere con i nostri lettori: l’attenzione alla dinamiche e alle implicazioni ambientali ed ecologiche è per noi un punto fermo sul quale quotidianamente improntiamo il nostro lavoro.

Simone Grasso,
Media, Communication & Web marketing specialist